venerdì 20 dicembre 2013

Medicina Ufficiale, la grande imputata (prima parte)

Sul tema della critica al sistema sanitario si sono scritti fiumi d' inchiostro, tanto che si riuscirebbe a  fatica a tenere il conto di tutti i libri finora pubblicati.

Ma evidentemente su un argomento così scottante e ancora drammaticamente attuale c'è  sempre  qualcosa  da dire se al lungo elenco si è da poco aggiunto "Il Potere Occulto dell' Industria della Sanità" di Jesus Garcia Blanca.

sabato 7 dicembre 2013

I pericoli di certe diete anti-colesterolo

La volta scorsa ("Prevenire e guarire le malattie cardiache senza farmaci è possibile") avevo parlato delle ultime scoperte da parte di scienziati all' avanguardia che dimostrano come regimi alimentari molto poveri di grassi e cibi animali, unitamente a opportuni stili di vita, possano rappresentare l' arma più efficace, non solo per la prevenzione dei più rappresentativi mali del nostro tempo (sovrappeso e problemi cardiovascolari in particolare), ma addirittura anche per far regredire nella maggior parte dei casi situazioni già gravemente compromesse, rendendo non più necessario, con pochissime eccezioni, l' uso dei farmaci tradizionali. Un concetto rivoluzionario per il pensiero accademico ancora oggi dominante.

lunedì 25 novembre 2013

Prevenire e guarire le malattie cardiache senza farmaci è possibile

"Questo è un libro che dev’essere letto, sia dalle persone comuni interessate alla salute sia dai professori delle strutture cliniche e di ricerca medica. Le persone che ignoreranno il messaggio di Esselstyn, lo faranno a loro rischio e pericolo. Non ci sono meraviglie farmaceutiche o astuzie mediche, né ora né ci saranno in futuro, che possano raggiungere gli stessi risultati."

Con queste parole, tratte dalla prefazione di "Come prevenire e guarire le malattie cardiache con l' alimentazione", T. Colin Campbell (c'è bisogno di una presentazione?) mette subito il dito su una nota piaga: quella dell' ignoranza, dei pregiudizi e dell' inadeguatezza della classe medica tradizionale nell' affrontare le malattie degenerative, che si tratti di cancro, di patologie cardio-vascolari o altro.

giovedì 14 novembre 2013

Giornata mondiale del diabete: mai parlare delle cose più importanti!

Oggi, 14 novembre, si celebra la Giornata Mondiale del Diabete, istituita dalle Nazioni Unite nel 2006, per la quale sono stati organizzati 500 eventi in 400 città (per informazioni visitare il seguente sito www.giornatadeldiabete.it).

Che dire? Ho già trattato l' argomento in una serie di post ai quali rimando (il primo  è "Emergenza diabete: troppi i soggetti a rischio e nemmeno lo sanno"),  perciò mi limiterò a qualche considerazione aggiuntiva (che non è mai di troppo in un caso come questo):

venerdì 8 novembre 2013

Come affrontare dismenorrea e altri disturbi femminili in modo naturale

Come annunciato nell' ultimo post ("Ma perchè i disturbi del ciclo femminile sono così diffusi?"), eccoci giunti a qualche utile suggerimento per chi soffrisse di problemi mestruali (ma anche di altri a carico del sistema riproduttivo), non prima però di aver ribadito e focalizzato  alcuni punti.

Ho già provato a spiegare che questi sono strettamente legati alla condizione generale del soggetto, e non ai capricci di qualche ghiandola endocrina che si mette a funzionare in modo autonomo ed arbitrario. Anche la tesi dello stress, per quanto plausibile, è piuttosto fuorviante e finisce col farci distogliere l' attenzione da quelle che sono le vere cause. Pur non negando infatti una sua diretta   influenza sull' equilibrio ormonale, in realtà non ci si rende conto che il modo stesso di vivere certe situazioni come più o meno stressanti è in buona parte  in relazione con la propria condizione. Perciò il primo passo da compiere è cercare di riorientare le nostre abitudini verso un modello più naturale ed equilibrato.

mercoledì 30 ottobre 2013

Ma perchè i disturbi del ciclo femminile sono così diffusi?

Avevo immaginato che il post precedente dedicato alla ginnastica intima femminile avrebbe  riscosso interesse, ma quando ho visto schizzare le visite giornaliere al mio blog a livelli stratosferici come mai era avvenuto, ho stentato a credere ai miei occhi.

In effetti un argomento così importante, ma poco conosciuto, che interessa potenzialmente tutte le donne di ogni età era forse quello che i più si aspettavano (la stragrande maggioranza dei miei amici su Facebook e della mia mailing-list sono donne). Credo però che la prospettiva di ricevere gratis l' ebook "Sessualità, piacere e orgasmo femminile"  ordinando il libro da me recensito, "Ginnastica intima per donne", e il clamore che ne è presumibilmente conseguito abbiano contribuito non poco a determinare i picchi suddetti, facendo di questo eccezionale abbinamento una proposta pressochè irresistibile.

lunedì 21 ottobre 2013

Ginnastica perineale: un toccasana per tutte le donne

La dr. Simona Oberhammer è una affermata naturopata con un' esperienza come ricercatrice indipendente. Ha svolto i suoi studi e le sue ricerche nell'ambito delle discipline olistiche  in  paesi quali Stati Uniti, Germania, Inghilterra e Austria,  specializzandosi in nutrizione e bioterapie (ricordo bene una interessante video-conferenza sulla depurazione intestinale che è stata per me anche l' occasione per conoscere questa brillante studiosa).

Tutte queste esperienze internazionali e il suo interesse verso la dimensione spirituale dell' essere umano l' hanno portata a sviluppare quella che lei chiama "La Via Femminile", cioè un percorso grazie al quale ogni donna può trovare una risposta ai problemi tipici dell' universo femminile e sviluppare al massimo la propria femminilità.

venerdì 11 ottobre 2013

Come il cibo influenza la mente (seconda parte)

Avrei voluto intitolare questo post "Mens sana in corpore sano", che ne riassume in modo semplice e immediato tutto il significato.

Il ben noto adagio latino, espressione di un' antica saggezza ormai in gran parte perduta,  sta a ricordare, come si capisce facilmente, che una mente sana può esistere solo in un corpo sano, e perciò cercare di risolvere i problemi mentali senza preoccuparsi del loro supporto materiale biologico è un pò come cercare di edificare un palazzo partendo dall' attico.

Ma l' uomo moderno, abituato com'è a mettere spesso il carro davanti ai buoi in questo mondo dove, guarda caso, oggi  tutto è sotto-sopra, preferisce il più delle volte rincorrere le teorie più astruse e improbabili a scapito di quelle più semplici e intuitive.

giovedì 3 ottobre 2013

Come il cibo influenza la mente (prima parte)

Come già detto nel post precedente a proposito del declino delle facoltà cerebrali, ci sarebbe tanto da dire su un  argomento così misterioso, complesso e ricco di pesanti implicazioni, e così, ricordandomi di un altro libro di parecchi anni fa molto simile a quello da me recensito ("Supercibi per la mente"), dal titolo quasi uguale ("Cibo per la mente"), mi è sembrato quasi doveroso ampliare il discorso al di là degli aspetti degenerativi delle nostre funzioni più nobili.

lunedì 23 settembre 2013

Scongiurare Alzheimer e invecchiamento cerebrale è possibile (e anche facile)

Margaret Thatcher
Tra annunci clamorosi e smentite  si vocifera che  anche mostri sacri, eroi del grande schermo supposti invincibili, come lo 007  per antonomasia, Sean Connery, e  quello scavezzacollo di Jack Nicholson, siano da annoverare fra le più recenti vittime  dell' epidemia di Alzheimer (l' ultima candidata al titolo di "male del secolo", dopo cancro, AIDS e depressione).

Alzheimer o non, ci sono fondati sospetti che i nostri popolari personaggi soffrano di seri disturbi cognitivi, ciò che è molto verosimilmente alla base della loro decisione di dare addio alle scene.

lunedì 9 settembre 2013

Un' affermata nutrizionista ci dice tutta la verità sulla salute delle ossa

Questo post  si potrebbe anche considerare un' appendice di quello precedente sulla vitamina D, in cui ho voluto focalizzare il discorso sui suoi aspetti meno noti, piuttosto che sui suoi risaputi effetti sulle ossa.

La quasi contemporanea pubblicazione del libro che ha ispirato il suddetto articolo e di un altro appena più recente, "Guida pratica ai cibi per la salute delle ossa",  che si riallaccia in parte al tema, mi ha dato così l' occasione e lo spunto di  completare il discorso soffermandomi anche su questo specifico aspetto oggi così tanto attuale.

E un buon motivo in più per farlo è stato il fatto che stimo molto  l' autrice, Annemarie Colbin, che conosco da tanti anni per il suo best-seller "Cibo e guarigione", cosa che mi dà occasione di spendere qualche parola anche su quest' ultimo e su di lei (che in un blog "olistico" come questo mi sembra quasi obbligatorio, come vedremo adesso).

sabato 31 agosto 2013

Vitamina D: le contraddizioni di chi dovrebbe tutelare la nostra salute

Certo ne ha fatta di strada la medicina se penso che, trattando delle vitamine, sui testi da me utilizzati ai tempi dell' università (non troppi decenni or sono) l' unico motivo di interesse clinico della vitamina B12 si  identificava nella sua  ben nota azione preventiva nei confronti dell' anemia pernicosa. Adesso che si è scoperto che una sua deficienza può avere ripercussioni anche sulla crescita, sull' efficienza del sistema immunitario e del sistema nervoso, che a sua volta può portare a condizioni anche serie e irreversibili, come apatia, disturbi della memoria, umore instabile, paranoia, tremori e difficoltà nella deambulazione e che, dulcis in fundo, può perfino essere all' origine del cancro, ci si può rendere conto della voragine che è stata colmata.

lunedì 19 agosto 2013

Acqua e salute: i requisiti di un' acqua ideale

Come anticipato la volta scorsa, non basta che l' acqua da noi assunta (sia come bevanda che sotto forma di alimenti) sia libera da ogni genere possibile di  inquinanti: per potersi considerare davvero fisiologicamente idonea all' uso quotidiano e salutare deve essere valutata anche in base ad alcuni parametri di cui per troppo tempo non si  è conosciuta l' importanza. Del resto non si è mai presentata la necessità di investigarla, dato che l' acqua naturale (l' unica disponibile in passato) è sempre stata all' altezza di ogni nostra esigenza fisiologica. Solo con l' industrializzazione delle società moderne si è presentato questo nuovo problema.

giovedì 8 agosto 2013

Si può invertire l' invecchiamento?

Ricordo ancora una serie di sketch pubblicitari trasmessa tanti anni fa dal mitico "Carosello" televisivo e sponsorizzata da una marca di acqua minerale, che aveva come protagonisti due coetanei sulla quarantina impegnati ogni volta a cimentarsi in una gara o uno sport, al cui termine era sempre lo stesso a fare una magra figura. Al che puntualmente si aggiungeva l' umiliazione di sua moglie, che gli ammoniva spietatamente: "Vergogna, hai quarant' anni e ne dimostri il doppio!". Allora lo sconfitto, non sapendo come giustificarsi, le faceva notare che anche l' avversario aveva 40 anni. Ma la moglie prontamente puntualizzava: "Già, ma lui ne dimostra venti!", dando il merito naturalmente all' acqua che era solito consumare.

sabato 27 luglio 2013

Scienza-spazzatura: una calamità sociale

La scienza-spazzatura è un fenomeno più che mai attuale (lo denuncia anche Colin Campbell nel suo "The China Study") e non è difficile capirlo.

Con la sempre maggiore diffusione della controinformazione e della cosiddetta cultura alternativa, soprattutto grazie a Internet, come prevedibile,  non ha tardato ad innescarsi una reazione di rigetto da parte del sistema che tende ovviamente a mantenere lo status quo, se non ad ampliare possibilmente  il suo dominio.

domenica 21 luglio 2013

Il paradosso delle statine: possono aggravare i problemi cardiaci (seconda parte)

Il mito del colesterolo è duro a morire
All' Università della California di San Diego dei pediatri  hanno descritto un bambino con un difetto congenito dell' enzima che sintetizza l' acido mevalonico come mentalmente ritardato, microcefalico (con la testa piccola) e basso di statura rispetto alla media per la sua età, anemico, acidotico, febbricitante e con cataratta.  Ebbene, questo poverino,  morto   all' età di 24 mesi, aveva anche il colesterolo molto basso, perchè, come già detto nella prima parte, questo famigerato composto deriva proprio dall' acido mevalonico, la cui sintesi viene inibita appunto dalle statine.

domenica 14 luglio 2013

Il paradosso delle statine: possono aggravare i problemi cardiaci (prima parte)

Tra un nubifragio e l' altro, dopo una primavera che di fatto non c'è mai stata (come ormai siamo abituati da anni), eccoci catapultati da un giorno all' altro in quella piena estate tanto aspettata.

No, non è una introduzione alle previsioni meteorologiche per le prossime vacanze. Se ho cominciato  parlando del tempo e dell' estate appena iniziata è perchè questa stagione ha a che fare col cuore, l' argomento del presente post, ma non chiedetene conferma al vostro medico, perchè nella medicina scientifica si può tutt' al più trovarne accidentalmente un riscontro a livello di dati statistici relativi ad infarti, mentre nella concezione macrocosmica della medicina cinese, che riunisce ogni elemento dell' universo in un intricatissimo ed articolato sistema di corrispondenze, la suddetta correlazione è parte integrante del suo stesso impianto teorico. Impianto teorico derivante dall' applicazione sistematica di ben definiti principi analogici che ci mettono in condizione di comprendere  il legame, non evidente ma esistente, anche fra gli elementi più disparati ed eterogenei.

lunedì 1 luglio 2013

La dieta per la prevenzione del cancro

Michio Kushi
Conclusa la serie di post dedicati al tumore mammario, ho ritenuto opportuno spendere qualche parola sul libro "La dieta per la prevenzione del cancro" (che avevo già segnalato con un banner situato in fondo ai suddetti articoli) e spezzare una lancia in suo favore, in quanto, per vastità, approfondimenti, documentazione e indicazioni pratiche, si tratta di qualcosa di realmente unico nel panorama della letteratura alternativa sul "male del secolo", e perciò meriterebbe senz' altro di essere molto più conosciuto, considerata la ben nota e diffusa diffidenza, seppur comprensibile, che ancora aleggia attorno agli approcci che si discostano dalla visione "ortodossa"  di questa malattia.

giovedì 20 giugno 2013

Tumore al seno: istruzioni per l' uso

La volta scorsa ho fatto alcune considerazioni generali sul cancro per far capire la necessità di cambiare mentalità nei suoi  confronti  e poter finalmente voltare pagina nell'  approccio a questa malattia.

Pur valendo  lo stesso discorso di base per tutte le sue forme, come pure per gran parte delle cause, ogni tipo di tumore tuttavia presenta alcune particolarità, ed è su queste che cercherò di focalizzarmi nell' esaminare quello mammario,  oggetto del presente post.


Eviterò comunque di annoiare parlando "medichese", perchè mi interessa far capire a tutti qualcosa di utile ai fini pratici, e nel farlo mi avvarrò della bussola universale yin-yang, essenza del pensiero olistico e strumento insuperabile per comprendere a fondo la fenomenologia universale, se lo si conosce e lo si sa usare.

giovedì 13 giugno 2013

Tumore al seno: è allarme in tutto il mondo

Mentre continua l' ondata di irrazionalità emotiva scatenata dalla vicenda di Angelina Jolie, con il moltiplicarsi di richieste di test genetici, dopo le mie considerazioni sull' intera questione (che si possono leggere nei miei ultimi  post, "Mastectomia preventiva? No, grazie - prima e seconda parte") e dopo la pubblicazione di una testimonianza di guarigione da un cancro al seno ritenuto incurabile, ho pensato questa volta fosse venuto il momento di scegliere come tema proprio questa patologia, anche perchè la sua diffusione, è opportuno precisarlo, è in continua crescita.

giovedì 6 giugno 2013

Una signora racconta la sua storia di guarigione dal cancro al seno grazie alla macrobiotica

Meg Wolff
Nell' attesa di riprendere il discorso sul tumore della mammella (che, come c' era da aspettarsi, non ha mancato di suscitare un certo clamore), ho pensato di fare cosa gradita ai lettori fornendo la traduzione della testimonianza della signora americana Meg Wolff guarita contro ogni pronostico da questa malattia, da me segnalata con un link nel mio ultimo post, "Mastectomia preventiva? No, grazie (seconda parte)", visto che qualcuno si è lamentato del fatto che fosse in inglese.

Ecco dunque la mia traduzione, sfrondata di alcuni particolari da me ritenuti superflui:

giovedì 30 maggio 2013

Mastectomia preventiva? No, grazie (seconda parte)

La volta scorsa abbiamo visto che il nostro corredo genetico e la familiarità  indicano solo quanto siamo predisposti a un certo tipo di patologia, e non vanno per questo considerati di per sè fattori determinanti, come invece si è sempre creduto e si continua a credere.

Sono invece i fattori ambientali che interagiscono continuamente col nostro DNA,  stimolando alcuni geni e deprimendone altri, a far sì che certe malattie o altri caratteri si manifestino oppure no, il che è esattamente ciò di cui si occupa l' epigenetica.

giovedì 23 maggio 2013

Mastectomia preventiva? No, grazie (prima parte)

Angelina Jolie
Della clamorosa notizia  si è parlato ampiamente su tutti i media nei giorni scorsi, con pareri anche molto contrastanti da parte degli esperti, e molti di voi ne saranno già a conoscenza di sicuro.

Ma potevo esimermi, in un blog con un titolo così, dal commentarla?

In  questi tempi così particolari in cui ci si può aspettare qualsiasi evento eclatante e qualsiasi bizzarrìa, la mastectomia bilaterale cui ha deciso di sottoporsi Angelina Jolie a scopo preventivo non mi ha sorpreso più di tanto, perchè in fatti come questo il decadentismo di una scienza  che diffonde disinformazione e alimenta paure, una scienza senz' anima che nega il libero arbitrio, insomma una scienza non più a misura d' uomo trova la sua apoteosi.

mercoledì 15 maggio 2013

Quando i vegani si ammalano di cancro

un giovane Robin Gibb
Ricordate  Robin Gibb, l' inconfondibile voce nasale dei Bee Gees, uno dei gruppi musicali più popolari di sempre? 

Fra qualche giorno ricorrerà il primo anniversario della sua scomparsa e se ne parlo non è per commemorare i suoi meriti artistici,  non essendo questa evidentemente la sede adatta, ma perchè il fatto mi dà l' occasione di spendere due parole sulle circostanze della sua morte piuttosto prematura (62 anni), dovuta ad un cancro prima al colon e poi propagatosi al fegato, che nessuno si sarebbe aspettato in un vegano di vecchia data come lui.

E' infatti stranamente molto diffusa l' ingenua convinzione che chiunque abbia eliminato dalla sua dieta ogni cibo di origine animale si sia automaticamente messo in una specie di botte di ferro che lo rende praticamente immune da  ogni genere di problema di salute, come se questa fosse tutta una questione di scelta fra cibi vegetali e cibi animali.

mercoledì 8 maggio 2013

Il meglio del peggio: gli spropositi dei nutrizionisti in tv

Lo spunto per questo post m'è venuto assistendo ad una delle solite interviste, in un tg, al  Prof. Pietro Migliaccio, esperto in Scienza della nutrizione, in occasione di un servizio andato in onda la settimana scorsa intitolato "Prepararsi alla prova costume".

Ma che si tratti di come sfoggiare un fisico in forma per l' appuntamento balneare, di come limitare i danni e riprendersi dalle rituali abbuffate di fine anno, o di come educare i giovani a prevenire i ben noti problemi di sovrappeso, dei puntuali interventi televisivi del noto professore si potrebbe tranquillamente fare a meno, data l' accozzaglia di banalità e luoghi comuni di cui sono infarciti.

mercoledì 1 maggio 2013

AIDS: c'è chi sostiene essere una colossale montatura

In appendice al discorso appena concluso sui disturbi dell' immunità, mi sembra opportuno e doveroso dedicare un post anche all' AIDS che, a più di trent' anni dall' inizio della sua diffusione, continua a minacciare l' umanità, a far parlare, e soprattutto a dividere i pareri degli scienziati sulle sue cause.

Sì, perchè, come molti ancora non sanno, la versione ufficiale, l' unica che trova spazio su tutti i mass media, che vede nel fantomatico virus HIV il responsabile del crollo del sistema immunitario di chi si considera affetto da questa nuova malattia, e che si può sintetizzare nell' equazione: test HIV positivo = AIDS = morte, è da molti anni affiancata da una tesi negazionista sostenuta da centinaia di scienziati, di cui l' insigne virologo di fama mondiale Peter Duesberg (pioniere nella ricerca sui retrovirus) è il capofila.

mercoledì 24 aprile 2013

Primavera in ritardo, allergie sempre puntuali (seconda parte)

Dopo aver analizzato brevemente le vere cause sottostanti a tutte le forme di alterata reazione ai  fattori ambientali, eccoci dunque giunti, come annunciato, a passare in rassegna i vari rimedi per questi disturbi così comuni.

Nella prima parte avevo sottolineato come l' alimentazione svolga un ruolo fondamentale per diverse ragioni, soffermandomi però (dati i limiti di lunghezza di un post) solo su quegli aspetti meno conosciuti e compresi, che non compaiono mai nella divulgazione di massa.

martedì 16 aprile 2013

Primavera in ritardo, allergie sempre puntuali (prima parte)

Se quest' anno la primavera è arrivata in ritardo, il rito che tradizionalmente l' accompagna non s'è fatto attendere. 

No, non sto parlando dell' opera musicale  di Stravinskij ("Il Rito della Primavera"), ma del più  familiare tema delle allergie, che in questo periodo occupa puntualmente ampi spazi su giornali, rotocalchi e tv.

lunedì 8 aprile 2013

Novità rivoluzionarie in cardiologia!

Sono sempre più numerosi i medici che in barba al loro curriculum accademico standard  si discostano dalla forma mentis  e dai protocolli invalsi nel sistema medico tradizionale, per aver abbracciato idee non convenzionali basate su conoscenze all' avanguardia, che non di rado diventano motivo di pregiudizio, diffidenza e controversie nell' ambito dell' ufficialità.

sabato 30 marzo 2013

Opportuni approfondimenti su certe diete estreme

Luciano Pavarotti
Il popolo dei cultori di diete, com'è ormai arcirisaputo, è un immenso, variopinto caleidoscopio per la  miriade di appassionati seguaci delle più disparate teorie, fra sedicenti esperti e relativi proseliti,  ognuno dei quali convinto di avere la verità assoluta in tasca.

Si è così facilmente  portati a non accettare altri punti di vista e spesso neanche a provare ad ascoltare chi la pensa diversamente per puro pregiudizio.

Perciò, se ho deciso di riprendere a parlare delle diete fruttariane e crudiste, è solo perchè, considerati gli evidenti limiti di un blog, ed avendo ricevuto obiezioni in merito (nonchè suscitato accese discussioni su Facebook), come avevo immaginato, mi è sembrato il caso di tornare su un argomento così spesso oggetto di incomprensioni e controversie, sperando di chiarire meglio il mio pensiero.

lunedì 11 marzo 2013

Dolcificanti alternativi: come scegliere?

Come c' era da aspettarsi, a seguito della pubblicazione dei vari articoli dedicati allo zucchero, all' iperglicemia e problemi relativi (vedi post precedenti), alcuni mi hanno chiesto informazioni su come poterlo sostituire.

Prima di  rispondere, però, mi sembra opportuno fare una doverosa precisazione.

Siamo tutti talmente condizionati da abitudini  acquisite fin dalla nascita, che ci sembra cosa del tutto normale ricercare regolarmente qualcosa di particolarmente gratificante per il palato, che di solito si identifica con tutto ciò che ha un intenso sapore dolce, magari per bilanciare le...  amarezze della quotidianità.

lunedì 4 marzo 2013

Svelata la vera e positiva Profezia Maya

Un altro libro sui Maya? 

Non ci è ancora passata la sbornia conseguente alla valanga di letteratura pubblicata in questi ultimi anni sull' argomento (per non parlare del chiacchiericcio salottiero cui ci avevano abituato TV e giornali, preoccupati solo di speculare su più o meno improbabili interpretazioni catastrofiste di quella che è la più famosa profezia di tutti i tempi) che ecco giungere l' ennesimo libro. E per giunta proprio adesso, quando, sopravvissuti indenni a quella che doveva essere la "fine del mondo", è già verosimilmente calato l' interesse attorno alla questione.

sabato 23 febbraio 2013

Fumo, alcool e droghe da sempre stigmatizzati. E lo zucchero?


Questo post è un' appendice agli ultimi dedicati alla glicemia,  all' iperinsulinemia e a tutti i problemi connessi ("Jurassic Park", "Resistenza insulinica, porta aperta ad una serie di patologie degenerative").

Come si ricorderà, ho cercato di spiegare che affrontarne seriamente le  cause è molto più complesso di quanto si sia mai creduto, non essendo sufficiente controllare l' apporto di carboidrati, nè saper scegliere fra questi, in quanto è tutto il modello alimentare ad aver bisogno di una revisione.

martedì 12 febbraio 2013

Jurassic Park


Come ho già detto in un vecchio post, l' ambiente medico istituzionale è una sorta di Jurassic Park, in cui le idee antidiluviane sopravvivono per forza di inerzia.

L' argomento da me trattato le volte scorse ("Resistenza insulinica", "Emergenza diabete!") mi sembra un ottimo esempio di una situazione via via peggiorata fino a giungere all' attuale livello di allarme sociale, semplicemente a causa di un paradigma ormai obsoleto e inefficace.

lunedì 4 febbraio 2013

Resistenza Insulinica: porta aperta ad una serie di gravi patologie degenerative

Riprendendo il discorso iniziato la volta scorsa ("Emergenza diabete! Troppi i soggetti a rischio"), nel succinto quadro che ho cercato di riassumere non si può fare a meno di notare che, se ampliamo lo sguardo al di là del diabete mellito tipo 2, per considerare anche tutte quelle patologie ad esso correlate, ci troviamo di fronte alla più grave e vasta epidemia che abbia mai flagellato l' umanità.

Infatti, se solo ci prendiamo la briga di fare raffronti, ci accorgiamo che la diffusione del diabete è ovunque praticamente parallela a quella di obesità e sovrappeso e delle patologie cardiovascolari (ipertensione, cardiopatie, ictus, arteriosclerosi), nè si rischia di sbagliare affermando che   cancro e Alzheimer sono più diffusi nei Paesi in cui questi disturbi presentano una più alta incidenza.

lunedì 28 gennaio 2013

Emergenza diabete! Troppi i soggetti a rischio (e nemmeno lo sanno)

"Pillola per il diabete, prova anti-cancro" è il titolo sensazionale di un articolo de "Il Corriere della Sera" (25-1-2013) che annuncia, col solito trionfalismo che accompagna notizie del genere, la messa a punto di un nuovo farmaco, la metformina, in grado di ridurre la quantità di insulina presente nel sangue, essendo oramai appurata la sua responsabilità in una cascata di eventi patologici correlati, tra cui il cancro, tanto da venir indicati nel loro complesso come "sindrome metabolica".

sabato 19 gennaio 2013

Ancora a proposito del crudismo...

Anche quest' anno le previsioni sono state pienamente confermate, nell' annunciare il picco di morbilità dell' influenza in questo gelido  gennaio. (Sarà un caso che il periodo capiti proprio a ridosso dei bagordi mangerecci di fine anno?).

Naturalmente non c'è niente di casuale, specie se si parla di statistiche, e la particolare circostanza va a piena conferma della tesi da me illustrata tempo fa parlando dell' influenza ("Influenza: ciò che nessuno vi ha mai detto, nè vi dirà mai"). Infatti i malanni tipicamente invernali sono nient' altro che un naturale meccanismo di adattamento al clima freddo, attraverso l' eliminazione di tutti quei fattori (da noi precedentemente introdotti) che non sono in armonia con l' ambiente e la stagione: tra questi, senz' altro figurano zucchero ed alcolici (che, guarda caso, nelle festività di fine anno abbondano), come pure latte, yogurt, gelati

giovedì 10 gennaio 2013

Gregg Braden ritorna in Italia!

E se il 2013 fosse davvero l' inizio di una nuova era?

Ad ogni inizio d' anno si ripresenta immancabile e puntuale lo stesso copione: tutti si augurano che cambi qualcosa, che si avveri ciò che non si è concretizzato l' anno appena passato, come se il nuovo anno avesse un intrinseco potere di cambiare le cose.

E così, di fronte alla prospettiva di un nuovo ciclo annuo, ognuno si aspetta salute, soldi e quant' altro possa esserci di desiderabile, che invece cinicamente il destino sembra  ogni volta volerci negare.